Procedure esecutive

Lo studio presta assistenza in tutte le fasi della formazione e/o messa in esecuzione del titolo creditorio del cliente.

Secondo il vigente ordinamento ungherese, e più precisamente secondo la legge LIII del 1994, il giudice autorizza l’esecuzione se la decisione che è alla base dell’esecuzione contiene obbligazioni, è passata in giudicato o è provvisoriamente esecutiva e è scaduto il termine per l’adempimento fissato nella decisione stessa.

L’attuazione delle decisioni del Tribunale viene disposta previa emissione di un titolo esecutivo. In ambito civilistico sono considerati titoli esecutivi, ad esempio, le sentenze o altri provvedimenti del Tribunale passati in giudicato, le ingiunzioni di pagamento emesse dal Notaio passate in giudicato (Legge L del 2009), gli atti notarili di riconoscimento del debito e di promessa di pagamento nonché le sentenze straniere passate in giudicato riconosciute dalla normativa internazionale e comunitaria.

Per quanto concerne la normativa UE deve riconoscersi efficacia esecutiva alle sentenze straniere passate in giudicato riconosciute ex Regolamento (CE) n° 44/2001, al titolo esecutivo europeo emesso ex Regolamento (CE) n° 805/2004 e all’ingiunzione di pagamento europea passata in giudicato per mancata opposizione ex Regolamento (CE) n° 1896/2006.

Procedimento di esecuzione in Ungheria